Vai ai contenuti

Menu principale:

E' ormai conoscenza diffusa nella società moderna, acquisita attraverso abbondante e costante informativa dei mezzi di comunicazione di massa, l'importanza, a livello, terapeutico delle più varie e gravi specie di malattie che affliggono l'umanità, delle cellule staminali presenti nel sangue umano e, in particolare, di quelle cosiddette pluripotenti.

Le quali, com'è noto, si presentano ancora indifferenziate con potenzialità di differenziazione, con metodi e meccanismi nei quali è impegnata l'attività d studio e di ricerca in materia, allo stato molto fervida in tutto il mondo, in quelle specifiche dei singoli organi ed apparati umani sì da essere utilizzabili nella "riparazione", cura e guarigione di quelli, tra organi ed apparati, affetti da vizi congeniti o malattie.

Di tali cellule, in particolare, è ricco il sangue embrionale e quello del cordone ombelicale, la utilizzazione dei quali appare essere identica quanto alla ricerca, studio ed efficacia terapeutica sopra evidenziata, ma essenzialmente diversa per le implicazioni contrarie di tipo morale e religioso e notoriamente presenti per il sangue embrionale ma inesistenti per quello del cordone ombelicale, recuperabile, a differenza del primo, a nascita avvenuta.

Da ciò discende la conseguente importanza della creazione, gestione e funzionamento di strutture specifiche che sul territorio siano in condizione di procedere alla raccolta, conservazione ed utilizzazione del sangue ricco delle cellule di che trattasi.

Il che, peraltro, appare essere addirittura indispensabile per gli sviluppi futuri ed esiti favorevoli della ricerca in argomento, in considerazione del fatto che oggi nel 99% dei parti il sangue placentare viene perduto e con esso si perde l'occasione del prelievo delle relative staminali.



SU QUESTE PREMESSE NASCE A LECCE E PRIMO IN PUGLIA IL
"COMITATO UN CORDONE PER LA VITA"
CON UN DUPLICE OBIETTIVO: DA UNA PARTE SENSIBILIZZARE E SOLLECITARE IL TERRITORIO ALLA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE PER L'UTILIZZAZIONE A FINI TERAPEUTICI DELLE CELLULE STAMINALI NELLO STESSO PRESENTI, E DALL'ALTRA PER LA ISTITUZIONE SUL TERRITORIO REGIONALE, DELLA "BANCA DEL CORDONE OMBELICALE" E DEI CENTRI DI PRELIEVO E RACCOLTA PRESSO LE STRUTTURE OSPEDALIERE.


TENDICI UNA MANO...c/c postale n.72768534 intestato a "Comitato Un Cordone per la Vita"
oppure
DESTINACI IL 5 x MILLE C.F 93081010758
Torna ai contenuti | Torna al menu